Filippo Moschetti

Consiglio Direttivo

L’attività lavorativa inizia in maniera adrenalinica, in un mondo differente da quello del brokeraggio assicurativo. Dal 1994 al 2004, infatti, sono stato ispettore in Guardia di Finanza. Sebbene la correlazione possa apparire apparentemente difficile, ritengo di poter asserire che sia stata una esperienza nodale nella successiva attività di Intermediario Assicurativo. Sebbene gli ambiti lavorativi siano così lontani fra loro, l’approccio certosino, la spasmodica attenzione ai dettagli, necessaria per poter eseguire in maniera efficace il lavoro sia in ambito penale che tributario, ha lasciato un solco profondo nello stile lavorativo attuale. Il cercare di leggere tra le righe, l’andare oltre l’apparenza, mi ha portato ad avere un approccio meno commerciale di altri, più tecnico ed incisivo.

Nel 2004 decido, con coraggio, di lasciare definitivamente la G.di F. per seguire le impronte di mio padre, che ha cavalcato la cresta dell’onda nel settore assicurativo per più di 40 anni in qualità di Agente, diventando dipendente di una Agenzia Generale della UnipolSai Spa (allora Fondiaria Sai).

Dal 2006 al 2009 divento Agente UnipolSai e, sulla scorta dello slancio di entusiasmo iniziale, già nell’anno primo anno di attività porto l’Agenzia a maturare incrementi di produzione pari al 1500% nel Corporate e del 400% e nel Retail. Gli anni successivi, sebbene siano stati estremamente impegnativi, mi hanno consentito di vincere numerosi prestigiosi premi nell’ambito delle gare di Compagnia.

Nel 2010 ulteriore rivoluzione copernicana che mi porta a confrontarmi con una nuova sfida, quella del brokeraggio assicurativo. Mi specializzo nella Responsabilità Civile Professionale, in particolare lavoro nell’ambito dell’area tecnica, dell’area medica, nonché in un rischio insolito ovvero la RC dei Pirotecnici sui quali possiamo spendere un know how come pochi altri a livello nazionale. Punto moltissimo ad un livello di specializzazione, per me e per i miei collaboratori, tale che ci consente una crescita costante e più che dignitosa. Sono onorato di essere chiamato spesso a tenere conferenze, webinar, corsi, nell’ambito dei settori di nostra competenza (oltre i confini locali).Il nostro motto è “FORMARE ED INFORMARE”: il nostro obiettivo non è solo quello di proporre soluzioni assicurative, bensì di diffondere cultura assicurativa.

Nel frangente emerge, dirompente, la vocazione che mi porta ad avvicinarmi al mondo AIBA, sulla scorta di una vocazione allo spirito corporativo.

Sono stato onorato di partecipare attivamente in diversi progetti, quale il “Riassetto delegazione CENTRO-SUD” (settembre 2016), nonché, nel 2019, alle modifiche sul testo dell’accordo di libera collaborazione A.I.B.A. fra Broker di Assicurazione e Compagnie Assicurative. In tale ultima occasione, ad esempio, ho cercato di apportare un contributo personale mirato soprattutto alla tutela degli interessi dei Broker medio-piccoli, chiedendo che l’associazione fungesse da “FARO per la navigazione in sicurezza per tanti Broker in frangenti in cui, come ultimamente spesso accade, “si alza la nebbia” (fondamentale aiuto per i Broker medio piccoli che non possono contare su potenti ed avanzati “radar” in dotazione presso grosse società)”.